Comuni Ricicloni News

Comuni Ricicloni

Spreco di cibo, in fumo 12 miliardi di euro
Ogni anno in Italia, dal terreno alla tavola, si sprecano oltre 5 milioni di tonnellate di cibo. Uno schiaffo per i 4,5 milioni di poveri, ma anche un problema economico e ambientale. L’analisi arriva dalla giornata di studio organizzata a Roma dall’associazione Greenaccord e Arsial Lazio.
Lo spreco alimentare non è solo un tema etico ma rappresenta un fenomeno che ha un impatto devastante sull’ambiente, l’economia e la società globale. Ogni anno lungo la filiera mondiale dell’agroindustria si perdono 1,3mld di tonnellate di alimenti, dalla materia prima ai prodotti trasformati. Un fenomeno che si traduce in gravissimi danni economici e ambientali, oltre 800 milioni di persone non sfamate e ben il 7% delle emissioni di gas serra mondiale prodotte.
Se non si indagano in profondità i tanti aspetti del fenomeno, difficilmente si può arrivare a risolvere i problemi che esso provoca. Il messaggio arriva dalla giornata di studi “Il cibo prodotto, apprezzato, consumato, condiviso e che non si butta via”, promossa dall’associazione culturale per l’informazione ambientale Greenaccord Onlus in collaborazione con Arsial (Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l’Innovazione dell’Agricoltura del Lazio) realizzata a Roma.
“È arrivato il momento di una seria riflessione sulla riconquista di valore, non solo economico ma anche etico e culturale del cibo” commenta il presidente di Greenaccord, Alfonso Cauteruccio. “Non solo gli attori delle filiere produttive e le catene di distribuzione ma ogni famiglia, soprattutto noi privilegiati residenti nel mondo ricco, è chiamato a ripensare i propri stili di consumo”.
Un tema, quello dell’avvicinamento dell’eccedenza col bisogno, affrontato anche da Antonio Rosati, amministratore unico di Arsial (Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l’Innovazione dell’Agricoltura del Lazio), che ha lanciato una serie di iniziative della Regione Lazio mirate all’educazione alimentare, fra cui 3 borse di studio da 5mila euro agli studenti degli istituti alberghieri, agrari e dei licei. “Distribuire il cibo a chi non ne ha è un impegno che dobbiamo prenderci nei confronti dei 4,5 milioni di poveri che vivono in Italia. Per far ciò – afferma Rosati – bisogna cambiare il modo di consumare che ogni anno ci vede disperdere oltre 5mln di tonnellate di cibo per un controvalore di 12,6 mld di euro”.
A fornire numeri e scenari mondiali sul fenomeno dello spreco alimentare è stata Marcela Villareal, direttrice Divisione partenariati, attività promozionali e Sviluppo della Fao, che ha ribadito la necessità di una rivoluzione culturale: “Il 44% della popolazione mondiale negli Anni ‘80 viveva in estrema povertà. Oggi è il 10%, nonostante questo ci sono ancora 800 milioni di persone che soffrono di fame cronica”. Per combattere queste realtà, spiega il rappresentante della Fao “serve promuovere grandi politiche sociali”. Secondo uno studio dell’organizzazione Onu “un terzo del cibo prodotto al mondo viene perso durante il processo di produzione o sprecato durante la consumazione. Parliamo di 1,3 miliardi di tonnellate sprecate o perse ogni anno. Una quantità pari a quella che produce l’Africa in cibo”. Come contrastare questi dati? “Serve realizzare gli impegni dell’Agenda 2030 – continua Villareal – che prevedono il dimezzamento degli sprechi e l’introduzione di sistemi di monitoraggio all’interno dei singoli Paesi”.
Per Francesco Maria Ciancaleoni, area ambiente e territorio della Coldiretti, “lo spreco di cibo rientra nel più ampio tema della gestione dei rifiuti e Il ruolo dell’agricoltura è fondamentale per contribuire alle riduzioni di gas serra. In Italia la maggiore responsabilità è nel consumo visto che lì si contano il 54% delle perdite”, ricorda il rappresentante della Coldiretti. “Un modello efficace è quello di prossimità che prevede il riavvicinamento tra chi produce e chi consuma. Si tratta di un modello che porta vantaggi sociali e ambientali concreti in termini di riduzione degli sprechi”.

Da Bestack l’imballaggio anti-spreco
Più di 190 milioni di euro risparmiati ogni anno evitando che finiscano nella spazzatura ben 115 mila tonnellate di fragole, albicocche e nettarine. E’ questa una delle stime che Bestack, il consorzio dei produttori in cartone ondulato per ortofrutta, ha presentato al Macfrut di Rimini, nel corso di un evento organizzato nello spazio Agorà per illustrare i benefici – non solo economici – derivanti dall’utilizzo di nuovi imballaggi attivi in cartone.
Il calcolo è stato ottenuto rapportando gli esiti delle ricerche sviluppate dal Dipartimento di Scienze e tecnologie agroalimentari dell’Università di Bologna, con il totale di quanto è stato destinato al consumo fresco in Italia nel 2015. Ed è solo un primo risultato. Per tutta l’ortofrutta nazionale si prevede infatti che il nuovo cartone Bestack possa ridurre ulteriormente lo scarto, risparmiando un miliardo di euro per circa 850 mila tonnellate di prodotto: il 10% della frutta e della verdura consumata in Italia in un anno.
“Il nuovo packaging – ha detto Claudio Dall’Agata, direttore di Bestack – non è altro che una confezione tradizionale alla quale viene aggiunta, nella fase di pre-confezionamento del prodotto, una soluzione concentrata di oli essenziali naturali che contrasta la deperibilità di frutta e verdure. Rispetto a qualsiasi altro packaging, questo imballaggio garantisce la massima riduzione possibile degli sprechi; un tema, quest’ultimo, che interessa sempre più l’intera filiera dell’ortofrutta, i distributori e anche le persone”.
Il percorso di ricerca, iniziato cinque anni fa, ha portato a novembre 2015 a un brevetto che ora è pronto per essere lanciato. Le analisi svolte hanno evidenziato in un primo step che l’utilizzo di confezioni in cartone ondulato consente di aumentare la shelf life (la permanenza sugli scaffali di vendita senza deperire) di frutta e verdura da due a tre giorni, rispetto ad altre tipologie di imballaggio come la plastica riutilizzabile.
La seconda fase di studio ha rilevato che se l’imballaggio in cartone è attivo, la shelf life si prolunga ulteriormente, guadagnando altre 24-36 ore. Bestack ha svolto un’analisi comparativa in una catena di punti vendita, tra l’imballaggio in cartone ondulato tradizionale e quello attivo. In tre mesi sono state fatte 4.500 analisi e 200 campionamenti su fragole, albicocche e nettarine. “Le ricerche – sottolinea Dall’Agata – hanno dimostrato che l’utilizzo di imballaggi attivi ha consentito, in tutte le condizioni di temperatura, ma specialmente nei periodi più caldi, di contrastare la proliferazione di organismi degradativi”.
La quantità di prodotto da scartare è stata ridotta dal 13 all’8% per le fragole, dal 18 al 13% per le albicocche e dal 25 al 20% per le nettarine. In Italia, è emerso, l’utilizzo di imballaggi attivi in cartone ondulato consentirebbe di evitare di sprecare 8.300 tonnellate di fragole (29,1 milioni di euro), 12.000 tonnellate di albicocche (27,9 milioni) e 84.000 tonnellate di nettarine (134 milioni).
“Di fronte ai risultati della sperimentazione condotta minuziosamente da Bestack in un contesto reale, gli operatori della distribuzione potranno pensare di portare qualcosa di nuovo all’interno dei negozi”, ha sottolineato Roberto Della Casa, managing director di Agroter.
“Il futuro del cartone ondulato – ha evidenziato Piero Attoma, presidente di Bestack e Comieco, partner della ricerca – è sereno e tranquillo, soprattutto per le sue caratteristiche vincenti”.

Zero plastica nelle mense delle scuole di Milano
Bandita la plastica nelle scuole milanesi, piatti e bicchieri saranno solo in materiale biodegradabile e compostabile.
“Sono bastati meno di due anni e il risultato, sulle tavole dei bambini, è stato conseguito con il prossimo autunno si completerà l’azzeramento di stoviglie in plastica ancora presenti nei refettori di Milano”. Con queste parole Gabriella Iacono, Amministratore Unico di Milano Ristorazione, annuncia insieme al Comune di Milano il completamento di un percorso iniziato nel gennaio 2015, con la sostituzione graduale della plastica nelle mense delle scuole Primarie e Secondarie. All’appello mancavano ancora le Scuole dell’Infanzia, nonché bicchieri e coppette per tutta l’utenza.
In occasione del rinnovo del contratto appalto per l’affidamento del servizio di somministrazione dei pasti, tra gli elementi di novità è stata introdotta la fornitura dell’intero set di stoviglie, attribuendo punteggi più alti a chi proponesse materiali sostenibili.
L’azienda che si è aggiudicata l’appalto fornirà bicchieri in PLA (acido polilattico) e piatti in materiale bioplastico, garantendo una drastica diminuzione del consumo di plastica (più di 12,3 milioni di bicchieri, 8,5 milioni di piatti e 5 milioni di coppette, il tutto per più di 200.000 kg di plastica).
“La qualità del servizio di refezione scolastica si misura dalla qualità del cibo – sottolinea la vicesindaco e assessore all’Educazione, Anna Scavuzzo – ma anche dalle modalità con cui questo viene servito ogni giorno a bambini e ragazzi. Ringrazio Milano Ristorazione per il suo impegno nell’eliminazione delle stoviglie di plastica: una scuola ecologicamente responsabile nei propri comportamenti non può che formare alunni consapevoli e rispettosi nei confronti dell’ambiente”.
A questo importante passo avanti nella sostenibilità, si aggiunge un consistente utilizzo di detergenti a marchio Ecolabel, che, con il nuovo anno scolastico, saranno impiegati in tutti i refettori raggiungendo così la quota dell’80% di detergenti rispettosi dell’ambiente.

Plastica o bio-plastica?
CONAI, Corepla, Assobioplastiche e Cic indicono un bando di gara per i servizi di ideazione dell’identità di un progetto di comunicazione condiviso, orientato a promuovere le corrette modalità di raccolta degli imballaggi in plastica e bioplastica.
Gli imballaggi in plastica e in bioplastica, anche se apparentemente simili, per essere riciclati devono mantenere un percorso “post consumer” separato. L’obiettivo è quello di comunicare in modo efficace che, se correttamente conferiti, differenziati e riciclati:
• gli imballaggi in plastica si trasformano in nuova materia prima per nuovi manufatti in plastica,
• gli imballaggi in bioplastica, essendo biodegradabili e compostabili, si trasformano in compost.
Nella maggior parte degli utilizzatori esiste la consapevolezza, grazie al grande lavoro di informazione fatto in questi anni, che solo conferendo correttamente gli imballaggi in plastica questi diventano una nuova risorsa; è oggi necessario creare la stessa consapevolezza anche nei confronti della bioplastica.
Si avrà un compost di qualità se nella frazione organica saranno conferiti solo rifiuti organici e imballaggi in bioplastica e si avrà un polimero riciclato di qualità se la raccolta degli imballaggi in plastica non saranno presenti bioplastiche.
È quindi interesse di tutti favorire e promuovere una corretta gestione del conferimento degli imballaggi in plastica e in bioplastica.
Il cittadino si trova quotidianamente a dover differenziare innumerevoli materiali dovendo distinguerli per forza di cose “frettolosamente”. Riconoscere e distinguere le plastiche dalle bioplastiche può mettere a dura prova la buona volontà. Esiste una normativa di settore e dei marchi di certificazione che possono aiutare nella fatica, aiutiamolo a trovarli e riconoscerli.

http://www.conai.org/wp-content/uploads/2016/09/Bando-Gara.pdf

http://www.conai.org/wp-content/uploads/2016/09/Brief.pdf

http://www.conai.org/wp-content/uploads/2016/09/Modulo-IscrizioneAlboFornitori.pdf

 

Se lo ripari ti premio
Per limitare i comportamenti legati alla cultura dell’usa e getta, il governo svedese ha deciso di premiare con riduzioni sulle tasse chi comincerà a riparare i beni di consumo anziché buttarli.
Tasse più basse per chi farà riparare, anziché gettare, qualsiasi tipo di oggetto, dall’aspirapolvere al frullatore.
La nuova proposta, in corso di presentazione, prevede sgravi fiscali sull’aliquota IVA che vanno dal 12% al 25%. Chi adotterà questi comportamenti si vedrà rimborsato una parte del denaro speso per le riparazioni, in particolare di grandi elettrodomestici quali frigoriferi, forni, lavatrici e lavastoviglie
Grazie a questa iniziativa sarà possibile e auspicabile lo sviluppo di un nuovo settore lavorativo dedito alle riparazioni e al recupero, con evidenti benefici.
L’iniziativa è parte di un progetto più ampio col quale la Svezia mira a ridurre rifiuti ed emissioni inquinanti legate alla produzione di nuovi beni di consumo, anche se negli ultimi 25 anni la Svezia ha tagliato del 23% le proprie emissioni inquinanti e genera gran parte della propria energia da fonti rinnovabili.
Il contributo della produzione di beni di consumo alle emissioni inquinanti è arrivato ad un punto tale da far prendere al governo la decisione di ridurre i rifiuti e favorire la sharing economy.

Cellulari e smartphone. Da Back Market li compri usati
Arriva anche in Italia Back Market per la vendita di elettrodomestici usati e ricondizionati. In altri paesi europei ha già 40mila clienti.
Far diventare il consumo di telefoni, tablet, elettrodomestici ricondizionati un fenomeno di massa per ridurre i rifiuti elettronici: con questo obiettivo debutta anche in Italia Back Market, progetto di una start up francese che ha dato vita a un supermercato online del ricondizionato: dai telefonini ai frigoriferi.
I prodotti ricondizionati sono dispositivi usati rimessi in perfetto funzionamento in una fabbrica e quindi venduti a prezzi scontati rispetto a quelli originari. Back Market punta a diventare una sorta di “Amazon del ricondizionato”, un’alternativa alla grande distribuzione di elettronica. Consiste in un negozio online in cui le aziende vendono prodotti ricondizionati direttamente ai consumatori.
In meno di due anni, spiega la start up, la piattaforma ha raccolto 40 mila clienti in Francia, Spagna, Germania, Belgio e lavora con 50 aziende ricondizionatrici. Tra i suoi investitori (che hanno sborsato 300 mila euro iniziali per supportarla) c’è anche il Ceo del sito di shopping online ShowRoom Privé, Thierry Petit. Per ora Back Market apre al mercato italiano con due sezioni: smartphone e tablet. Da settembre integrerà altre tipologie di dispositivi per oltre 5 mila prodotti fra casa, cucina e hi-tech. Il sito prevede anche una garanzia di 6 mesi sull’acquisto e una formula “soddisfatti o rimborsati”.

Oro dai RAEE. A basso impatto ambientale
Ad aggiudicarsi la VI edizione del concorso per studenti inventori “InvFactor – Anche tu genio!” uno studente di Fermo con un metodo innovativo per estrarre oro dai rifiuti elettronici che riduce l’impatto ambientale rispetto alle tecniche attualmente in uso.
Per il funzionamento delle apparecchiature elettriche ed elettroniche è necessario l’impiego di metalli con grande conduttività e con una buona resistenza all’ossidazione. Tra quelli che meglio rispondono a queste caratteristiche vi è l’oro. L’Università di Edimburgo ha stimato che nei RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) globali sia contenuto qualcosa come il 7% delle riserve auree mondiali.
Normale dunque che siano oggetto di grande attenzione, sia per la preziosità del materiale ma anche per i minori costi “estrattivi”. Il recupero del metallo prezioso non è però esente da costi ambientali, dal momento che vengono impiegate sostanze pericolose ed inquinanti quali il cianuro. Un importante aiuto verso un recupero più “pulito” arriva dalla VI edizione del concorso per studenti inventori “InvFactor – Anche tu genio!” vinta da Carlo Castelli, studente dell’Iti Montani di Fermo.
Al concorso, organizzato dall’Istituto di ricerche sulla popolazione e le politiche sociali del Consiglio nazionale delle ricerche (Irpps-Cnr) e promosso dalla rappresentanza in Italia della Commissione europea nell’ambito di “EuFactor”, lo studente fermano ha partecipato presentando un metodo per recuperare l’oro presente nei RAEE, con ridotto impatto ambientale.
Il suo metodo prevede l’impiego di un cloruro ferrico (FeCl₃) che funge da ossidante senza rilasciare fumi tossici e acido cloridico (HCl) che potenzia il potere ossidante.

Accordo tra CONAI e Villapiana (CS)
Siglato a Villapiana (CS) il Protocollo di Intesa tra Comune e CONAI per lo sviluppo della raccolta differenziata. Con questa firma si pongono le basi per la crescita della raccolta differenziata, con l’obiettivo di raggiungere il 65% grazie all’avvio del nuovo piano di gestione dei rifiuti e alla collaborazione con CONAI.
La sottoscrizione del Protocollo è il naturale proseguimento delle attività di sensibilizzazione fin qui svolte dall’Amministrazione Comunale, grazie all’impegno dell’Assessore all’Ambiente, Stefania Celeste, e la collaborazione con Legambiente, per sensibilizzare i cittadini ed in particolare le fasce più giovani su un tema ritenuto fondamentale per la salvaguardia ambientale e il decoro cittadino.
Il potenziamento dell’attività di raccolta differenziata sarà affidato a BSV, che già si occupa di raccolta e smaltimento dei rifiuti – con l’obiettivo di tradurre in pratica il nuovo piano di raccolta approvato dalla Giunta a fine 2015 e concretizzare gli obiettivi, sia qualitativi che quantitativi, di differenziazione dei rifiuti, tenendo in considerazione la forte vocazione turistica del territorio, con flussi turistici che portano a triplicare il numero degli abitanti nei mesi estivi.
CONAI contribuirà all’acquisto di una quota parte delle attrezzature utili per la raccolta differenziata degli imballaggi, con un impegno fino a 20mila euro, al fine di incrementare le quantità ma soprattutto la qualità del materiale conferito finalizzato al riciclo per il tramite dei Consorzi di Filiera.
Questo ulteriore Accordo, che segue quanto già sottoscritto con le Amministrazioni Comunali di Cosenza, Catanzaro, Gimigliano, Cassano allo Jonio e recentemente con l’Unione dei Comuni della Valle del Torbido, conferma l’impegno straordinario di CONAI in Calabria a supporto delle aree in ritardo.

Tariffa puntuale anche a Novara?
All’assessorato all’ambiente del comune di Novara stanno valutando il passaggio alla tariffa puntuale per puntare alla riduzione dei rifiuti indifferenziati e migliorare la qualità delle altre raccolte.
Scopo dell’introduzione del sistema tariffario è far sì che lo stesso cittadino diventi un soggetto ulteriormente attivo e molto più attento rispetto alla differenziazione dei rifiuti. Attualmente il progetto è in fase di studio: con l’intento di tutelare anche l’immagine e il decoro della città, l’assessorato sta valutando se l’attuazione dovrà basarsi sull’adozione di sacchi o di cassonetti e, soprattutto, sulle tempistiche di raccolta per condomini e abitazioni private. Una decisione potrà essere presa solo nel momento in cui saranno disponibili i dati necessari anche all’avviamento della fase sperimentale, che è prevista per il prossimo gennaio. Se tutto dovesse svolgersi con positivi riscontri, la “Tariffa puntuale” potrebbe essere applicata con il 2018.
Nelle scorse settimane, con il supporto del Servizio Ambiente, si sono già tenute alcune riunioni con il dirigente e i tecnici del Consorzio di Bacino Basso Novarese con l’obiettivo di avviare un controllo dati per riuscire ad avere un’idea più chiara della situazione.
L’introduzione della “Tariffa puntuale” basata sul principio “Chi meno inquina, meno paga”, può consentire una minor pressione fiscale e un miglioramento sul piano ecologico, semplificando inoltre il controllo dei sacchi, che verrebbero dotati di un chip con il codice dell’utente.

Gli USA studiano il modello Contarina
Da New York City a Spresiano per visitare la sede di Contarina Spa e studiare da vicino il modello di raccolta porta a porta. Una delegazione della società Dsny, che svolge i servizi ambientali nella metropoli della Grande mela, ha visitato gli impianti per approfondire alcuni aspetti tecnici della gestione dei rifiuti, come le raccolte sul territorio, gli impianti e il trattamento del rifiuto umido.
La DSNY -The City of New York Department of Sanitation – è l’azienda pubblica che ha in carico la gestione diretta di raccolta, spazzamento e servizio neve della città di New York, con un organico composto da oltre 10 mila dipendenti.
I vertici di DSNY intendono sviluppare un sistema di gestione dei rifiuti in grado di ridurne sensibilmente la produzione, soprattutto per quanto riguarda il rifiuto organico. Nella metropoli statunitense è già partito un progetto pilota per la raccolta separata dell’umido su alcune aree selezionate, che ha già raggiunto 300 mila utenze, un numero molto limitato se si considera che la città conta 8 milioni di abitanti. A questa visita, si aggiunge un’altra delegazione “Amorce”, composta da una trentina di rappresentanti di società e autorità francesi che si occupano di servizi ambientali.
Al modello d’eccellenza sviluppato da Contarina plaude la senatrice Laura Puppato, capogruppo del Pd nella Commissione Ecomafie, eletta in Veneto, denunciando la maggioranza in Regione. “In questo settore la Regione si fa bella col lavoro straordinario di alcuni sindaci pionieri, che in consorzio hanno dimostrato all’Italia che ‘Yes, we can’, come Contarina. Siamo nella zona best practice in Europa, ma nessun merito va alla Regione del Veneto che se ne appropria per nascondere le proprie immense lacune in tema di ambiente e gestione di rifiuti tossici nocivi e industriali”.

APERTE LE PRENOTAZIONI PER I CAMPI ESTIVI DI VOLONTARIATO: SI PARTE!

Legambiente accoglie la richiesta dei territori di contribuire alla loro salvaguardia e valorizzazione; abbiamo dunque preparato tanti campi di volontariato in cui è necessaria la vostra partecipazione e per cui siamo pronti ad accogliere le vostre richieste, scegliete il campo che fa per voi!
Attività legate all’agricoltura, monitoraggio di abusi e difesa della legalità, studio e salvaguardia dellabiodiversità, attività per la tutela e la valorizzazione del territorio e delle sue risorse, interventi per la riduzione delrischio idrogeologico, promozione del turismo responsabile, conservazione delle aree protette, sono alcuni dei temi in cui interveniamo quest’anno.
Campi per adulti, per ragazzi (15-17 anni) e per famiglie (adulti e bambini dai 4 ai 14 anni), Il tutto arricchito daattività formative su temi specifici legati al campo stesso.
Tra le novità di quest’anno: Lampedusa, il Parco Nazionale della Majella, le isole Tremiti, Ustica, il Parco del Monte Barro, le Dune di Piscinas, Sarno e i Campi Flegrei.
Per chi vuole cimentarsi in un’esperienza internazionale, all’estero sono disponibili centinaia di campi in tutto il mondo: Francia, Germania, Spagna, Polonia, Giappone, India, Indonesia, Costa Rica, e tanti altri Paesi, per contribuire alla manutenzione di beni culturali e naturali e al benessere delle comunità locali.
Sul nostro sito trovate tutti i dettagli e il programma completo!

Ufficio Volontariato Legambiente O.N.L.U.S.
Via Salaria 403 – 00199 – Roma
06/86.268.403 – 06/86.268.323-4-6

Campi nazionali in Italia: volontariato@legambiente.it
Campi e progetti all’estero: outgoing@legambiente.it
Campi internazionali in Italia: incoming@legambiente.it

www.legambiente.it/volontariato/campi

2016-mar-10-01

PULIAMO IL MONDO 26 SETTEMBRE 2014, SCUOLE MEDIE PAVANA

Immagine 1

 

Nella giornata di venerdì 26 settembre 2014 le quattro classi delle scuole medie di Pavana (prima A, prima B, seconda e terza) hanno partecipato alla giornata nazionale di “Puliamo il mondo 2014”.

L’Amministrazione comunale di Sambuca P.se è stata invitata alla partecipazione dal circolo Legambiente di Pistoia, e ritenendo che potesse essere un importante momento di formazione della coscienza civica, ha patrocinato l’evento.
Personalmente tenevo in modo particolare che i ragazzi (almeno quelli delle medie) partecipassero all’iniziativa, poichè quello della raccolta differenziata è un tema che ritengo vitale ed al quale noto che ancora molto spesso non viene dato il giusto peso, spostando il problema sempre avanti nel tempo. Purtroppo però basta digitare su internet “isole rifiuti oceano” per rimanere sconcertati: non ci sono parole per descrivere lo sconforto di fronte a quelle immagini, oppure nel vedere che le discariche vengono ancora ampliate, consumando così terreno rubato all’agricoltura ed al paesaggio. Non c’è più tempo, i nostri figli devono imparare a fare la raccolta differenziata come ad
allacciarsi le scarpe, deve diventare un’abitudine non un peso, un diritto non un dovere.

L’attività è stata svolta nel corso della normale mattinata di lezione ed ha avuto come obiettivo la pulizia delle strade all’interno e nei dintorni del paese di Pavana.
Prima di iniziare abbiamo ripreso i concetti fondamentali sulla raccolta differenziata, ad ogni ragazzo è stato dato un sacco con sopra riportata una lettera : C per carta, P per plastica, V per vetro e alluminio e I per indifferenziata, cercando di fare gruppi equilibrati per ogni tipologia di rifiuto, poi ogni classe è stata accompagnata nel lavoro da un insegnante e dalla scrivente che ha scattato le foto.
La pulizia è stata interrotta dalla consueta pausa per la merenda e ripresa successivamente.
Infine i ragazzi, nel corso dell’ultima ora della mattinata, sempre suddivisi per classe, hanno conferito i rifiuti negli appositi cassonetti presenti nella piazza della Chiesa di Pavana, di fronte alla scuola, dove abbiamo tirato le somme della giornata, facendo un ultimo ripasso sulle varie tipologie di rifiuti e come si devono differenziare correttamente.
Li ho trovati molto interessati e attivi, hanno fatto domande e raccontato loro personali aneddoti, fieri di aver riempito i sacchi ed aver ripulito il paese.
Anche gli insegnanti presenti quella mattina si sono resi tutti molto disponibili perché fosse gestita nel modo corretto l’organizzazione dell’attività, dando rilevanza in primis alla sicurezza degli alunni, e si sono interessati per aderire all’iniziativa anche l’anno prossimo.

Si ringrazia Co.Se.A. Ambiente S.p.a. che ha fornito il kit per la pulizia, composto da un paio di guanti per ciascun ragazzo e dai sacchi.
Inoltre vorrei sottolineare che i bambini che frequentano le scuole elementari di Pavana sono educati al corretto riciclo dei rifiuti già alle scuole elementari, partecipando al progetto “Pinocchio fa la differenza” promosso dall’ente sopracitato, pertanto questa giornata è andata ad incrementare ulteriormente l’importanza del rispetto per l’ambiente rendendoli parte attiva.

Infine ringraziamo Legambiente per averci concesso la partecipazione, anche se in maniera solo formale, nella speranza di poter partecipare nuovamente il prossimo anno anche con un contributo economico, in modo da poter dotare i ragazzi di cappellini e pettorine recanti il logo di “Puliamo il Mondo” e Legambiente, e farli così sentire ancora più coinvolti e partecipi.

Sara Lodovisi
consigliere del Comune di Sambuca P.se

WP_20141126_001 WP_20141126_003 WP_20141126_004 WP_20141126_002

“CHI GETTA SEMI AL VENTO FARA’ FIORIRE IL CIELO”, L’IMPEGNO DELLA V A GALILEI

 

Segnaliamo la pregevole testimonianza di civismo e cittadinanza attiva, aspetti, questi ultimi, che inevitabilmente fanno rima con rispetto dell’ambiente e qualità della vita, contenuta nel lavoro presentato dalla classe V A Galilei al tradizionale concorso di Legambiente per le scuole. Si tratta infatti di una riflessione, multidisciplinare e corredata di eloquenti immagini, che ricorda quanto sia necessario investire nella consapevolezza delle giovani generazioni per avere ancora, in futuro, un ecosistema in grado di garantire il benessere generale della società.

 

Gli alunni della classe V A conoscono bene il tema dell’inquinamento ambientale, delle discariche abusive, dei rifiuti tossici, delle malattie che derivano dal vivere nelle zone “dei fuochi”: si sono documentati sull’ argomento relativo al degrado naturale perché ne sono rimasti profondamente colpiti, hanno svolto temi e ricerche, hanno portato a scuola foto ed immagini, quasi a voler denunciare pubblicamente l’atteggiamento dell’uomo che pensa solo all’ arricchimento personale  senza curarsi della salute di tutti gli altri esseri viventi. Hanno portato foto ed immagini, quasi per dissociarsi da simili atteggiamenti, quasi per dire: “noi non siamo come loro”. Hanno partecipato, con i loro temi sull’inquinamento ambientale da rifiuti tossici, all’incontro svoltosi sabato 8 Febbraio a Pistoia, presso il Museo Marini,  in cui gli ospiti presenti, l’onorevole Scalia, ex Presidente della Commissione Inchiesta sulle Ecomafie,  colui che ha reso pubbliche le testimonianze del boss Schiavone sulla Terra dei Fuochi,  ed  Antonio Pergolizi, responsabile nazionale report sulle ecomafie di Legambiente, hanno aperto le coscienze dei molti presenti per denunciare la gravità degli atti commessi dalle  “mafie” nella gestione dei rifiuti nazionali. Presente anche Antonio Sessa, (Legambiente Pistoia).

L’opera realizzata interamente dagli alunni con i materiali da loro prodotti, s’intitola “Semi al vento”  e vuole lanciare un messaggio, ispirato al poeta di strada o writer Ivan Tresoldi che, come noi, crede in una vita più sana e pura, vera, nel rispetto dell’ambiente e dell’esistenza di tutti. Vuole anche essere una denuncia verso chi non ambisce ad una vita di tale genere, non rispetta il patrimonio naturale e vive nell’opportunismo e nel materialismo quotidiano. Ma, come un filo di speranza che emerge sul finale, l’opera si pone su due livelli o stratisotto, quello negativo, rappresentato dalle foto di montagne di rifiuti abbandonati nei campi, bruciati lungo le strade, nelle fosse, o da immagini di animali a rischio di estinzione per la difficoltà di sopravvivere nel loro habitat ormai deturpato ed alterato da plastiche e materiali abbandonati e, sopra, quello positivo, costituito dal messaggio di speranza e di riscatto dell’uomo nei confronti della natura:

Chi getta  semi al vento farà fiorire il cielo”,  (frase scritta da Ivan sul muro della darsena di Milano)

perché, comunque, nei ragazzi c’è sempre la voglia di vedere il “bicchiere mezzo pieno”; essi  nutrono la speranza di un futuro migliore e si sentono parte attiva di questo miglioramento perché, loro, sono carichi di entusiasmo e scevri da condizionamenti mentali.

Hanno conosciuto le opere di Ivan Tresoldi perché hanno letto in classe il suo bellissimo libro di poesie  e di “scaglie”, ossia brevi componimenti poetici dipinti su muri e parapetti delle città ed hanno ammirato la sua arte di strada, hanno conosciuto il fenomeno legato a “guerrilla gardening” e fatto amicizia con uno che ha veramente riempito le buche delle strade di Roma con fiori e piante. Per questo sono convinti che lanciando in aria i semi dell’amicizia, della solidarietà, dell’amore, e soprattutto del rispetto verso l’ambiente, verso se stessi e verso il prossimo, sarà possibile far fiorire il cielo, ossia far rinascere la Terra a nuova vita, più sana e più pura.

Anche la disposizione della frase sui due pannelli i ragazzi non l’hanno messa a caso: letta nel suo intero forma una V che ha due significati, quello di “vittoria” contro tutto quello che le immagini sotto rappresentano, ma anche quello di V, cioè di quinta, la loro classe.

I colori delle parole sono infine una scelta assai motivata: dal rosso fuoco, che indica la denuncia, la gravità degli atti umani sull’ambiente, l’intensità negativa delle foto, al giallo, passando per l’arancione, perché si vuole arrivare al giallo per antonomasia, cioè quello del sole che deve poter continuare a splendere sulla terra senza essere offuscato da nubi nere di copertoni bruciati, bensì in un cielo limpido e sereno, come quello dell’immagine incollata sotto l’ultima parola della scritta.

Gli alunni dell’I.C.S “Roncalli-Galilei” Classe V A

Ins: Linda Manzoni

Legambiente Pistoia. Puliamo il Mondo 2013 (Montagna Pistoiese e Ferrovia Porrettana)

IMG

Anche quest’anno il circolo Legambiente di Pistoia aderisce a “Puliamo il mondo” la manifestazione internazionale di volontariato ambientale“ che si svolge in contemporanea in 120 paesi e ormai come tradizione dedica una giornata alla montagna pistoiese e alla Ferrovia Porrettana.
Torneremo a Piteccio venerdì 27 settembre dalle ore 9,00 alle ore 12,00 e assieme agli alunni delle scuole Elementare di Piteccio e ripuliremo le scarpate all’imbocco del “Sentiero dello scoiattolo” che collega il paese di Piteccio a quello di Castagno, dove già l’anno scorso rinvenimmo un enorme discarica abusiva.
Raggiungeremo il sito dopo una camminata con il Presidente della Pro Loco di Piteccio che farà da guida mostrandoci le opere di ingegneria idraulica e ferroviaria relative alla Porrettana.
Purtroppo a causa di inciviltà e ignoranza, lungo i bordi delle strade di montagna è sempre più facile rinvenire ogni tipo di rifiuto, dalle gomme di auto, agli elettrodomestici, ai sanitari, ai materiali di scarto dei lavori edili (mattoni piastrelle eccetera), spesso semisepolti e stratificati nel tempo.
Per un mondo più pulito e più giusto e per ridare dignità ai luoghi che amiamo, gli adulti si caleranno lungo i pendii e i ragazzi recupereranno e divideranno i materiali.Non è difficile prevedere che anche quest’anno troveremo di tutto, dagli oggetti di uso comune alle cose più sorprendenti.
L’ iniziativa è espressione di alcune tra le battaglie più importanti di Legambiente, che vanno dalla riduzione dei rifiuti a un aumento della raccolta differenziata, dalla riqualificazione delle aree urbane alla valorizzazione degli ambienti naturali e dei parchi e alla diffusione di una corretta informazione e un’adeguata educazione ambientale sin dalla prima infanzia.

IMG

Discarica in Valdibrana

Il Circolo Legambiente di Pistoia denuncia ancora una volta il giornaliero abbandono di rifiuti ingombranti, questa volta siamo in località Valdibrana dove nei pressi dei cassonetti che si trovano lungo la brana, a meno di 100 m dalle abitazioni (in Via di Valdibrana prima del civico 72)  si può trovare di tutto con il rischio di inquinamento del torrente stesso.

I cassonetti della raccolta differenziata sono sempre stracolmi e, come potete notare dalle foto allegate, si sta creando una vera e propria discarica abusiva dove viene abbandonato ogni tipo di rifiuto anche i più pericolosi: gomme, materassi, mobili, frigoriferi, vetri rotti, sanitari, lavatrici, tv…

La strada è molto frequentata da sportivi, da bambini in bicicletta o a piedi, nonchè da molti turisti che, soprattutto in questo periodo, vanno a visitare il santuario della Madonna di Valdibrana.

Ricordiamo a tutti i cittadini che esiste un servizio gratuito effettuato da Publiambiente per il ritiro gratuito degli ingombranti basta utilizzare il numero verde dell’azienda.

Facciamo un appello alle Istituzioni interessate affinchè il problema sia risolto a breve ed in modo definitivo.

Antonio Sessa Legambiente Pistoia

2013-05-15 10.51.01 2013-05-15 10.51.17 2013-05-15 10.52.02 2013-05-15 10.52.47 2013-05-15 10.50.42clicca sulle immagini per ingrandirle

Mostra “Ri-cicli virtuosi: la spazzatura che fa cultura”

In mostra i lavori realizzati dai ragazzi delle scuole pistoiesi di ogni ordine e grado, per l’edizione 2011 del concorso “Arte Ecologica” organizzato dallo SPER !!

clicca sull’immagine per ingrandirla