- dal team di Avaaz – Questo è il movimento che il nostro Pianeta stava aspettando

- dal team di Avaaz –
Questo è il movimento che il nostro Pianeta stava aspettando
Cari, incredibili avaaziani,
Ce l’abbiamo fatta! Anche se non abbiamo potuto marciare a Parigi, la Marcia Globale per il Clima ha battuto ogni record diventando la più grande mobilitazione per il clima della storia: da Sydney a San Paolo passando per tutto il mondo, siamo stati 785mila, con oltre 2300 eventi in 175 Paesi. Tutti uniti in un’unica voce per un futuro pulito al 100%, per salvare tutto ciò che amiamo. Siamo sulle prime pagine dei giornali di tutto il mondo e a Parigi si sente già, fortissimo, l’impatto della marcia.
È quasi impossibile descrivere la forza, la bellezza e l’umanità che ieri in mille forme diverse abbiamo fatto fiorire in questo nostro mondo. Ma queste foto possono dare un’idea:
Londra, Regno Unito
Questo è il movimento che il nostro Pianeta stava aspettando. In tanti Paesi, dal Bangladesh all’Irlanda, ci sono state le più grandi manifestazioni di sempre per il clima. 120mila persone in Australia, 100mila in India. A Sana’a, in Yemen, la marcia è andata avanti nonostante le bombe che continuano a cadere!
In senso orario da in alto a sinistra: Melbourne, Helsinki, Berlino, Amsterdam, Bogotá, Jakarta
In Francia sono state annullate manifestazioni che prevedevano fino a 500mila persone, ma non ci siamo persi d’animo: in pochi giorni gli avaaziani hanno raccolto migliaia di scarpe e ieri mattina le hanno portate a Parigi, a Place de la République. Tra quelle scarpe, simbolicamente posizionate all’ingresso del vertice sul clima, c’erano anche quelle del Papa e del segretario generale dell’Onu:
In ogni Paese, i più importanti giornali, televisioni e siti web di informazione hanno le nostre marce in prima pagina, dal New York Times ad Al Jazeera.
L’inviato di Papa Francesco ha detto: “Il Papa è vicino con lo spirito alle centinaia di migliaia di partecipanti, ai poveri e a tutti quelli che vogliono giustizia e un clima sicuro.”
Oggi, nell’aprire i lavori della conferenza, di fronte a tutti i capi di Stato del mondo, il Segretario Generale dell’ONU Ban Ki-moon ha sottolineato: “I popoli del mondo sono in marcia. Sono scesi per le strade, nelle città e nei villaggi in tutto il mondo, in una mobilitazione di massa per il cambiamento… Si aspettano che ognuno di voi sia all’altezza della sfida. Ce lo chiede la Storia.”
Christina Figueres, la direttrice dei negoziati ONU sul clima, ci ha voluto ringraziare e ha annunciato: “Stiamo lavorando con Avaaz per installare grandi schermi dentro la conferenza e far sentire le vostre voci. Il vostro sostegno per un accordo ambizioso contro il cambiamento climatico arriverà forte e chiaro a tutti i delegati.’’
Clicca qui per vedere alcune delle foto più belle e leggere i messaggi di chi ha marciato.
Oggi ha finalmente inizio la conferenza sul clima. Sono anni che i nostri politici ci dicono: “Dimostrateci che alla gente interessa il cambiamento climatico, e noi agiremo di conseguenza”. Questo fine settimana gli abbiamo dimostrato che il mondo intero vuole il 100% di energia pulita. E in questo esatto momento, davanti ai loro occhi, sta scorrendo il video delle nostre marce che gli ripete questa richiesta. Non possono non vederci. E non potranno ignorarci: siamo già qui, il team di Avaaz è al lavoro dentro ai negoziati e ogni volta che qualcuno nelle prossime due settimane cercherà di ostacolare l’accordo saremo pronti a intervenire.
Questo fine settimana, il nostro movimento ha raggiunto un nuovo livello. Nelle prossime due settimane continueremo a lottare per questo obiettivo, per tenere vivo il nostro sogno e scuotere questa conferenza, fin quando non otterremo l’accordo che serve per salvare il nostro futuro.
Con infinita gratitudine e determinazione,
Emma, Alice, Luis, Ricken, Ben, Mais, Dan e tutto il team di Avaaz
Migliaia di avaaziani hanno mandato bellissime foto e video dalle marce in tutto il mondo. Durante le prossime due settimane, verranno proiettate su un maxi-schermo al vertice di Parigi: tutti i negoziatori e i capi di Stato le vedranno ogni volta che entreranno e usciranno dal summit.

https://avaaz.org/it/climate_march_report_back_loc/

http://www.theguardian.com/environment/commentisfree/2015/nov/29/the-paris-climate-summit-a-real-test-of-humanity

BIOENERGY 2013

QUI  il programma completo delle iniziative organizzate in occasione della manifestazione BIOENERGY 2013 durante la quale sono previsti, tra le altre cose:

  • premiazione dei vincitori del Concorso Best Practices Bioenergy
  • Info Point sulle opportunità di incentivi per le energie rinnovabili gestito da Legambiente e Azzero CO2 per le tre giornate fieristiche

Per ulteriori informazioni potete contattare Esther Schembari – Legambiente Arezzo – tel 0575 259154- e.schembari@legambientearezzo.it 

Grazie per l’attenzione e un saluto a tutti

Rossella Muroni
Direttore Generale
Legambiente Onlus
Via Salaria 403
00199 Roma
tel. 06/86268304
fax 06/86218474
www.legambiente.it
direzione@legambiente.it

L’energia dal vento per gli impianti da sci. “La montagna e il mini-eolico”. Cutigliano, 28 Ottobre.

Energia del vento per gli impianti da sci, e per tutti i lavori della montagna, con un ridotto impatto sul paesaggio. Sarà questo il tema centrale del seminario “La montagna e il mini-eolico” che avrà luogo domenica 28 ottobre alle 9.30 presso il palazzo Comunale di Cutigliano (PT).

All’evento, organizzato in collaborazione la decima Rassegna della castanicoltura, saranno discusse le ipotesi per l’installazione di impianti di micro-eolico (potenza max 5 kW) e mini-eolico (potenza da 5 a 200 kW) nell’area sciistica della Croce Arcana e in altri siti del territorio della montagna pistoiese.

Il progetto è sostenuto in modo bipartisan dalle forze politiche di maggioranza e minoranza: l’iniziativa è sostenuta infatti sia dall’attuale sindaco di Cutigliano Carluccio Ceccarelli, sia da esponenti delle precedenti amministrazioni, tra cui gli ex-sindaci Marina Lauri e Graziano Nesti.

Previsti anche interventi dei rappresentanti di Coldiretti, Associazione boscaioli, C.I.A (Confederazione italiana agricoltori), consorzio Lamma, G.A.L. Garfagnana. L’iniziativa è promossa da Comune di Cutigliano, Pro Loco Cutigliano, Legambiente Pistoia e associazione Ecosostenibilità, con il contributo di Banca di Credito Cooperativo di Vignole/Montagna Pistoiese e di ARIA s.r.l.

“Ringrazio sentitamente Legambiente per avere promosso con noi questa interessantissima iniziativa sul minieolico –  dichiara Carluccio Ceccarelli, sindaco di Cutigliano –  sono sempre stato sicuro sostenitore di queste forme di utilizzo delle nostre risorse naturali. Il futuro della montagna passa anche attraverso queste iniziative. E’ importante ed urgente riuscire a snellire più possibile i vincoli e la burocrazia che spesso ostacolano l’iniziativa privata. Spero che questo seminario contribuisca, anche da questo punto di vista, a dare le risposte necessarie, e comunque sarà molto utile per far comprendere ai nostri cittadini questa grande opportunità, specialmente ai giovani che hanno deciso di continuare a vivere ed operare su un territorio difficile come la nostra montagna, ma, che se sfruttato in modo armonico con il territorio, può dare grandi soddisfazioni e risultati economici interessanti – conclude Ceccarelli.

“Ritengo estremamente valida l’iniziativa di domenica promossa da Legambiente sull’utilizzo delle fonti rinnovabili dichiara Marina Lauri, ex sindaco di Cutigliano –  in particolare l’inserimento delle stesse nell’ambiente. Importante il coinvolgimento al fine della conoscenza di questi interventi da parte della popolazione. E’ necessaria in questo settore un’armonizzazione delle politiche e degli indirizzi amministrativi da parte di tutti gli enti di riferimento per la realizzazione”.

“Ho accettato di collaborare con Legambiente  e ho dato il mio contributo per organizzare l’iniziativa di promozione del minieolico – dichiara Graziano Nesti, ex sindaco di Cutigliano – Il nostro gruppo consiliare è da sempre favorevole alle energie rinnovabili, compreso l’eolico. Ci si scontra spesso con le pastoie burocratiche, ma dobbiamo adeguarci per superare queste difficoltà, anche perchè le rinnovabili sono un’opportunità per le piccole imprese, i privati cittadini e gli enti locali con particolare riferimento ai comuni. Inutile sottolineare l’importanza che rivestono le rinnovabili, in termini di risorse economiche e di energia pulita sulle aree marginali e montane”.